Cassina & Simon

La recente acquisizione da parte del gruppo Poltrona Frau del marchio Simon ha riunito sotto il marchio Cassina  la collezione Simon.

Il 26 settembre 2013 si è svolto l’  evento “I padri del design si incontrano” per la presentazione della collezione Simon all’ interno dello spazio Cassina di Milano. Di seguito la presentazione.

“26 Settembre 2013

 

Cassina presenta SimonCollezione nello showroom storico di Milano.

 

Oggi Cassina ha presentato SimonCollezione presso lo showroom di Milano: l’Architetto Tobia Scarpa, lo Storico dell’Arte Philippe Daverio e lo Storico e Critico del Design Alberto Bassi hanno partecipato alla presentazione per sottolineare l’importanza culturale e patrimoniale dell’acquisizione di questo marchio storico italiano. Il racconto di una storia industriale di due aziende alle origini del design italiano, e di due imprenditori pioneristici, unite oggi da un’anima sperimentale e dall’espressione del rapporto tra cultura e produzione.
Il catalogo di eccellenza di SimonCollezione, inserito all’interno della Collezione Cassina I Contemporanei, raccoglie firme importanti come Carlo Scarpa, Marcel Breuer e Kazuhide Takahama, ed è da oggi in esposizione presso lo showroom di Cassina in via Durini a Milano.”

In Cassina non hanno creduto (al momento) in alcuni progetti/oggetti storici. La collezione dei divani/imbottiti (Cornaro, Mantilla, etc) forse perchè ne hanno già tanti ed è molto meglio togliere qualcosa dal mercato;

La seduta Magritta (vedi motivo di cui sopra) e poi (forse) chi è Magritte?

Il paravento Balla (poi si devono pagare i diritti di autore agli eredi Balla);

Lo sgabello Altabella di James Irvine (tanto è morto….)

La seduta Le Temoin; c’ è già lo specchio, perchè mantenere un’ altra icona di Man Ray.

Lo sgabello Fausto, perchè Finotti non lo conosce nessuno.

.. ci fermiamo qui.  Ci piacerebbe capire il perchè di questi “omicidi”….

Gli anni del design

Dagli anni 60, l’  italia è protagonista assoluta del design. aziende quali Cassina, Zanotta, Giovannetti, Driade, Poltronova, Flos, Simon devono il loro successo principalmente a quei giovani talentuosi deal nome di Achille e Piergiacomo Castiglioni, Vico Magistretti, Carlo Scarpa,  Alessandro Becchi, Enzo Mari e molti altri.

Questi designer sono stati cosi talentuosi da apportare all’ intero sistema dell’ arredo delle novità che tutt’ oggi rappresentano il best seller di molte aziende; basti pensare la divano Anfibio di Giovannetti, o la poltrona Sacco di Zanotta. Senza trascurare il fatto che molti di questi oggeti sono oggi la base di altri progetti

Alessi autunno inverno 2010

Con la mostra “Oggetti e Progetti. Alessi: storia di una fabbrica del design italiano”, che si è inaugurata il 21 maggio presso il museo Die Neue Sammlung di Monaco, Alessi ha portato a tre le collezioni di nuovi prodotti presentati nel corso del 2010. in un’ importante sezione di questa mostra, allestita su invito del Professor Florian Hufnagi, direttore del Museo e curata da Alessandro Mendini con la collaborazione del Museo Alessi, l’ azienda tenta un nuovo esercizio stimolante: anticipare le direzioni del prossimo decennio attraverso le cosiddette “Nuove Istanze”. Questo gruppo di progetti sviluppano una serie di tematiche sulle quali Alessi sta impegnandosi e che costituiscono e interpretano la politica e la strategia futura dell’ azienda. Sette di questi progettu sono stati presentati al pubblico con l’ occasione della mostra, mentre in occasione delle firere internazionali di settembre, vedono la luce sotto il marchio Alessi, il servizio da tavola e i bicchieri “Ovale” di Ronan & Erwan BouroullecServizio da tavola Ovale Alessi. Si tratta di una serie molto ricca di prodotti realizzata con l’ impiego di tre materiali (stoneware, vetro e acciaio inossidabile). Le forme sono rettangolari con angoli arrotondati e si possono definire regolari, nonostante una ricercata, leggera asimmetria che rende caratteristico il servizio. Questo aspetto si evidenzia bene nella sovrapposizione dei piatti: la rotazione di un piatto rispetto all’ altro ne attenua o aumenta la percezione.

Le altre novità, per il catalogo Alessi fanno parte della serie objet bijou e sono rappresenate da il portatovaglio OUI,  Portatovagliolo Alessi OUIdue anelli concatenati, evidente riferimento alla simbologia dell’ unione nuziale: BLIP disegnato da Paolo Gerosa, è un appoggiacucchiaio, al cui forma elegante è ricavata da un fazzoletto di lamiera di acciaio piegata in modo da ospitare cucchiai e mestoli di varia lunghezza e dimensione. La collezione include anche un nuovo portachiavi, Pip, un topolno dalla lunga coda attorcigliata che sfrutta per imprigionare le chiavi. Infine My squeeze disegnato da Rolan Kreiter, spremiagrumi da impugnare.

Altri particolari oggetti per il catalogo Alessi sono firmati da autori di culture molto diverse. Il passatè Tea Matter disegnato da Alan Chan trae origine da un affascinante tradizione dei notabili cinesi che amano ritrovarsi a bere il tè portando con sè il loro uccellino canterino dentro ad una gabbietta. La gabbietta di Alessi con tien il Passatè a cinguettio melodico. Passatè Alessi Al Passatè si possono affiancare i contenitori per il tè “Tea Caddy” incisi uno con un disegno ispirato alle pietre litografiche cinesi di circa un secolo fa, e l’ altro con soggetti “calligrafici” che formano una poesia della Song Dinasty (960/1279) dedicata al rito del tè. La frase significa “avere un cuore ourp è possibile” e può essere letta iniziando da qualsiasi carattere.

I taglieri “Chop” di Patrick Jouin, realizzati in legno di bambù, sono utilizzabili su entrambe le facce. Il bordo è ampio per poterli riporre in posizione verticale, e la sua forma cava permette di avvicinarvi un piatto e facilitare così il trasferimento degli ingredienti. Tagliere Chop alessi

Il siciliano Mario Trimarchi ha pensato di offrire ai fiori recisi dei vasi realizzati in modo da farli sembrare sospesi. Una struttura in filo metallico molto sottile, leggermente oscillante, sostiene ampolle di vetro a forma di gocce d’ acqua; “Intanto” è solo una goccia di rugiada sospesa traragnatele instabili. “Intanto un fiore”, “Intanto pochi fiori” e “Intanto molti fiori” sono i tre Intanto Mario Trimarchi AlessiVasi in progressione dimensionale, ma tutti della stessa altezza. Vasi galleggianti che nascono attorno alla riflessione su quel tempo indefinito, che accompagna un fiore dal momento in cui viene reciso fino al suo sfiorire.

Mario Trimarchi ha aggiunto un vassoio con manici alla famiglia 2La Stanza dello Scirocco”. Lluis Clotet si è impegnato nello sviluppare nuove tipologie di oggetti accartocciati; le antipastiere a due, tre e quattri scomparti e la Coppetta, mentre il piatto per lumache del 2009 si completa con la specifica forchetta a molle..

Doriana e Massimiliano Fuksas hanno continuato a progettare per la serie “Colombina Collection”: è di questo autunno l’ uscita del portalume con doppia funzione. Vassoio Alessi Mario Trimarchi

ANCI CREATIVE AWARDS

E’ stao indetto un bando di concorso internazionale per la progettazione di spazi innovativi per la vendita di calzature. Il termine ultimo per l’ iscrizione è il 30 luglio e la consegna degli elaborai è fissata per il giorno 8 settembre.  Il bando è stato promosso dall‘ A.N.C.I. Associazione Nazionale Calzaturifici Italiani in collaborazione con la rivista InterniPer iscriverti clicca qui

Rudi Rabitti: high level collection

E’ il Cuoio Italiano l’assoluto protagonista di questa avventura cominciata agli inizia degli anni ’70 che il
trascorrere del tempo conferma puntualmente.
La grande passione e la spinta costante all’eccellenza consentono di ripercorrerne la tradizione artigianale
con nuove tecniche di lavorazione.
Così nascono gli oggetti Rudi Rabitti unici, esclusivi, fuori dal tempo: segni forti, linee disegnate al di sopra
delle mode passeggere.
Realizzati singolarmente, essenziali nella forma, funzionali all’uso, rigorosi nelle finiture per esaltare la
naturalezza del cuoio. Creati con la sapiente semplicità propria della grande esperienza e della profonda
conoscenza per il materiale. L’uso quotidiano li rende indispensabili e più simili a noi fino a trasformali in oggetti da compagnia.
L’ingresso di Ferrante Gonzaga organizza e struttura collaborazioni fino ad allora accomunate
dall’entusiasmo e dal piacere per le cose preziose trasformando l’avventura e la passione in azienda.  Una selezione della collezione High Level è disponibile su www.owo.it

rudi_rabitti