Giannoni & Santoni: nuova collezione

La Toscana, storicamente, ha sempre rappresentato un punto fermo nell’ architettura. Intellettuali, artisti hanno sempre trovato (e trovano)  in questa terra un fermento culturale che ha creato movimento storici universali. Basta pensare al contributo di artisti tra cui  Filippo Brunelleschi e Leon Battisti Alberti che hanno dato origine a quella rivoluzione nota a tutti come Rinascimento. Il movimento nato a Firenze e poi diffuso in tutta Europa, rappresenta tutt’ oggi fonte di ispirazione per architetti e designer.

Un’ azienda toscana, Giannoni & Santoni, leader indiscussa nella ristrutturazione di dimore storiche e al contempo attenta alle nuove tendenze e tecnologie, forte della propria esperienza nell’ ambito della decorazione, ha creato una collezione di “decorazioni” adatta ai nostri tempi.

Negli ultimi anni si è riscoperto un supporto murale tipico degli ultimi decenni, la carta da parati. Aziende storiche, quali Elitis o giovani iniziative, quali Wall & Deco, hanno creato, creano e sperimentano questo supporto.

Per la Giannoni & Santoni la sperimentazione è strettamente legata all’  Arte: eventi quali “il Sacrificio di Isacco (a lume di notte) con le mostre collaterali dedicate al Caravaggio di Stefano Stacchini e Renato Frosali, (entrambi presenti nel Padiglione Italia della Biennale di Venezia del 2011) hanno dato la possibilità di sperimentare nuove applicazioni della decorazione;

Installazione Caravaggio sotto intonaco
Caravaggio Sotto Intonaco – fase di lavoro

proprio il lavoro a due mani con Renato Frosali ha dato vita ad una idea di carta da parati  dove il confine tra artista e idea è annientato.  Questo è uno degli eventi: potremmo aggiungere le scenografie realizzate per il Teatro del Silenzio oppure le installazione per eventi quali ViveramanDo, evento musicale estivo no profit organizatto dalla Andrea Bocelli Foundation, collaborazioni con Ugo Nespolo per il Museo Piaggio o una delle opere più importanti della provincia di Pisa Il muro di BAj.

Il direttore artistico dell’ azienda, Alberto Bartalini, forte della propria esperienza di architetto, regista di eventi dedicati alla musica (sua l’ idea del Teatro del Silenzio, come luogo ed evento) o all’ arte, ha concepito una collezione di carte da parati dove il segno, la tradizione e la contemporaneità si fondono, dando vita a superfici dove l’ eclettismo è l’ elemento fondamentale.

Scopri

 

La Bugia – anche gli elefanti hanno il naso lungo

Dopo l’approdo alla Biennale di Venezia, Babb (Giorgio dal Canto) si prepara ad un ciclo di eventi straordinari e unici.

Con la regia di Alberto Bartalini, questo percorso inizierà proprio con una grande mostra personale dedicata all’artista, che inaugurerà mercoledì 6 giugno alle 18.00, presso il Centro per l’Arte Otello Cirri di Pontedera. Contemporaneamente al vernissage, un altro evento imperdibile: verrà presentata la Vespa Piaggio disegnata da Babb, che sarà visibile in anteprima presso il salone d’ingresso del Palazzo Comunale di Pontedera. 

Lajatico è: Nemo al Teatro del Silenzio

Non esiste cornice migliore, quale il Teatro del Silenzio,  per la poltrona Nemo disegnata da Fabio Novembre per Driade. Nemo al Teatro del Silenzio - Lajatico

Il Teatro del Silenzio è sinonimo di arte, cultura e spettacolo ed è un luogo che per un solo giorno all’ anno si popola di musica, performance e danza. La manifestazione voluta da Andrea Bocelli che si svolge nell’anfiteatro naturale di Lajatico (PI), paese natale del tenore.

L’ evento, sotto la regia dell’ Architetto Alberto Bartalini, rappresenta un appuntamento estivo da non perdere: la musica sinfonica, Zucchero e Josè Carreras sono state le grandi attrazioni della quinta edizione.

La poltrona Nemo è l’ elemento scultoreo che ha fatto da cornice alla cena riservata ad un numero selezionatissimo di ospiti.